Consigli per uno smart working ecologico dopo la giornata della Terra

giornata-della-terra

L’Earth Day (Giornata della Terra) coinvolge ogni anno fino a un miliardo di persone in ben 192 paesi del mondo ed è la più grande manifestazione ambientale del pianeta, l’unico momento in cui tutti si uniscono per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia

Ogni anno in questa occasione si fa un punto sullo stato di salute del pianeta e, in alcuni casi, si firmano accordi per la riduzione delle emissioni o sull’utilizzo dell’energia green.

Quest’anno e precisamente il 22 aprile 2020 sarà il 50° anniversario di questa giornata nata nel 1970 quando 20 milioni di cittadini americani si mobilitarono per una manifestazione a difesa della Terra che negli anni stava subendo gravi conseguenze. 

Per aiutare il nostro Pianeta di certo molto può e deve essere ancora fatto. Ma qualche piccola azione può essere portata avanti anche dai singoli. C’è qualcosa che puoi fare anche tu ogni giorno. Possiamo fare dello smart working ecologico.

Smart working vantaggi e inquinamento

Questo periodo di lockdown ha fatto scoprire al popolo italiano un nuovo modo di approcciarsi al lavoro. Lo smart working.
Oltre ad essere un processo portato avanti per cause maggiori questo “nuovo” approccio sta mostrando al mondo intero quando possa essere positivo per il benessere del pianeta.

Secondo ENEA, lo Smart Working riduce la congestione, i consumi energetici e, in generale, l’impatto ambientale degli spostamenti casa-lavoro sui nostri sistemi urbani. C’è anche un altro importante aspetto, connesso al cibo consumato fuori casa. Esso richiede un consumo di quantità di energia maggiore e, in aggiunta, viene imballato quasi sempre in contenitori di plastica.
Gli interventi di risparmio energetico, inoltre, sono molto più semplici da realizzare in uno spazio contenuto e conosciuto: la casa.

In conclusione, quindi, Smart Working significa meno stress meno inquinamento

Fare smart working in questo periodo significa dover rimanere in casa a lavorare e c’è bisogno di una gestione smart (intelligente) anche della propria casa. 

6 consigli per non inquinare da seguire in casa

  • Usa lampadine fluorescenti e non ad incandescenza: usano il 60% di energia in meno (tradotto come risparmio in bolletta)e immettono meno anidride carbonica.
  • Spegni le luci quando non servono: sembra banale, ma per molti non lo è affatto.
  • Non lasciare tv e computer in stand-by: anche quelli consumano energia elettrica. 
  • Doccia al posto della vasca: la doccia consuma molta meno acqua e impiega molto meno tempo per scaldarla
  • Usa meno plastica: Se proprio non puoi evitarla, almeno ottimizza. Compra delle borse per la spesa che siano di stoffa anziché di plastica
  • Usa contenitori lavabili invece di quelli usa e getta: per esempio

Con questi piccoli consigli giorno per giorno potrai contribuire anche tu al miglioramento del benessere del Pianete facendo dello smart working ecologico. 

Noi di Tasker Work ci impegniamo quotidianamente nel migliorare le condizioni economiche e sociali dei nostri utenti. Se vuoi scoprire di più su come lo facciamo visita il nostro sito internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *